Twitter a pagamento

7 settembre 2009

Dopo 50 milioni di utenti e un capitale di 55 milioni di dollari, dopo che tutto il mondo ne ha parlato, dopo una pseudio nuova rivoluzione iraniana ne ha fatto uso, dopo innumerevoli attacchi informatici subiti, dopo un numero indefinito di studi di settore, il CEO di Twitter ha dichiarato che entro breve l’ipotesi di creare account a pagamento divverrà realtà. Ancora da definire esattamente tutti i dettagli, ma ormai la decisione è presa. Sembra che, incluso nel prezzo, ci sia la possibilità di avere account certificati, per evitare spiacevoli furti d’identità. La nuova funzionalità a pagamento per ora è pensata per le aziende e Biz Stone ha assicurato che il servizio resterà gratuito gli utenti che ne faranno un utilizzo “normale”.

Il sito ReadWriteWeb ha fatto un sondaggio tra suoi lettori chiedendo quanto avrebbero accettato di pagare per conservare il proprio account Twitter. I risultati sono uno schiacciante NIENTE” (66%) seguito da “Meno di 5$ al mese” (19%). Vedremo quanto avranno intenzione di far pagare..

Cinguettii di Aprile

22 aprile 2009

Ecco  alcune notizie prese dalla rete di recente sul mondo di Twitter:

22 aprile
Finalmente bloccato il worm che nell’ultimo periodo ha messo in ginocchio Twitter. Micheal Mooney ha confessato di essere l’artefice del worm. Kaspersky (nota azienda produttrice di antivirus) ha comunicato di essere in grado di bloccare le numerose varianti del worm.

21 aprile
Dirigenti di diverse aziende americane high tech tra cui Google, Twitter e AT&T sono questa settimana in Iraq per capire in che modo la tecnologia possa aiutare nella lotta contro la corruzione. Si spera che al ritorno passino anche dall’Italia.

17 aprile
Sono in molti a pensare che entro l’anno twitter cambi padrone. Una nota società di scommesse on line (BetOnline) ha ben pensato di accettare scommesse su chi sarà il facoltoso acquirente. Quello che sembra ormai chiaro, è che nulla verrà ceduto per meno di un miliardo di dollari.

10 aprile
Pasqua con twitter. La passione di Cristo step by step attraverso twitter. L’idea di unire sacro e tecnologico è venuta ad una chiesa di Manhattan, che ha ripercorso la passione di Cristo attraverso i famosi cinguettii.

7 aprile
E’ datata questo giorno quella che può essere definita la prima manifestazione organizzata quasi completamente su twitter. Un folto gruppo di manifestanti si è ritrovato davanti al palazzo del parlamento moldavo per protestare contro le recenti elezioni che hanno riconfermato vincitore il partito comunista. Secondo i manifestanti (diverse migliaia) le elezioni sono state viziate da moltissimi brogli.

4 aprile
Demi Moore salva una donna che le aveva confidato in un messaggio privato di volersi suicidare. La Moore preoccupata ha avvisato la più vicina stazione di polizia dell’aspirante suicida. La donna quindi è stata tratta in salvo dagli agenti. Non ancora chiaro il motivo di tale gesto.

4 aprile
Prima operazione chirurgica su Twitter. Più di 300 twittate per 1071 followers per spiegare lo svolgersi dell’operazione di un equipe medica . Il motivo? Pubblicizzare il robot “Leonardo Da Vinci” per la chirurgia mini invasiva utilizzato per l’intervento.

3 aprile 2009
Rumors secondo cui Google vorrebbe acquistare il servizio di microblogging, ma è solo un primo approccio. Più avanti invece lo sviluppo di un motore di ricerca che sfrutti le caratteristiche di twitter e conduca una ricerca sul web in “tempo reale”

1 aprile
Non poteva mancare il pesce d’aprile su twitter. Il noto giornale inglese “The Guardian” ha dichiarato che entro breve andrà solo su Twitter. La bufala, visto la costante crisi dei quotidiani stampati, era stata invece presa molto sul serio.

Alcune notizie fanno sorridere, altre sono molto più serie. Quello che è interessante è vedere come i cinguettii si stiano divulgando tra settori che apparentemente non hanno alcun collegamento con Twitter.